Scegli tu l’attività che preferisci sostenere


Attività Sportive                Attività Sportive

attività culturali                Attività Culturali

 

 

 

 

 

 Casa Emmaus di Iglesias è da sempre attenta a mantenere un adeguato livello di qualità nei servizi erogati. Propone attività culturali, formative e sportive che contribuiscono a migliorare la qualità della vita di chi sta portando avanti un percorso di recupero. Sostiene inoltre anche quelle persone non-autosufficienti che pur avendo terminato il percorso, continuano a stare a Casa Emmaus perchè non hanno un altro posto dove andare. Per continuare a fare questo abbiamo bisogno anche del tuo aiuto.

Altri modi per sostenerci:

  • Ordinando i nostri prodotti solidali:
  • Con il tuo 5X1000: il nostro codice fiscale è 02289800928
  • Donazione ricorrente. Contributo periodico, che si rinnova automaticamente, che chiunque può dare a Casa Emmaus. Utilizzando questo metodo non avrai bisogno di recarti ogni mese alle poste o in banca, ma potrai farlo una volta per tutte. Grazie alla nostra adesione ad un’iniziativa dell’ABI(associazione bancaria italiana), gli addebiti sono gratuiti e  il tuo contributo, revocabile in qualsiasi momento, è anche deducibile dalle tasse. Compila il modulo Cammina con Casa Emmaus
  • La tua campagna: Diffondi la mission e le attività di Casa Emmaus di Iglesias tra i tuoi contatti personali e su Facebook
  • Versamento alle poste: Bollettino postale n^ 22449094
  • Donazioni sul conto corrente: IT 70A0312743910000000001298
  • La tua raccolta: Organizza tu una raccolta fondi per Casa Emmaus di Iglesias, scrivi a ufficiostampaemmaus@gmail.com ti daremo tutto il sostegno di cui hai bisogno.
  • Le tue bomboniere solidali. Condividi la gioia dei tuoi momenti più belli con chi lotta ogni giorno contro le dipendenze patologiche. Scrivi a ufficiostampaemmaus@gmail.com, troveremo la soluzione più giusta per te.

Le offerte all’associazione Casa Emmaus di Iglesias sono deducibili dal reddito imponibile e godono di altre agevolazioni.

Donazioni alle onlus

DONAZIONI DI BENI AI SENSI DEL DLGS 460/97 ART. 13

Le aziende possono effettuare erogazioni liberali in merci alle ONLUS.
Per le donazioni in merci (vale a dire beni alla cui produzione o scambio è diretta l’attività di impresa) si hanno importi della donazione agevolata fiscalmente diversi a seconda del tipo di merce.
Per i beni non di lusso alla cui produzione o al cui scambio è diretta l’attività dell’impresa (ad esclusione delle derrate alimentari e dei prodotti farmaceutici donati in alternativa alla usuale eliminazione dal circuito commerciale) che presentino imperfezioni, alterazioni, danni o vizi che pur non modificandone l’idoneità di utilizzo non ne consentono la commercializzazione o la vendita, rendendone necessaria l’esclusione dal mercato o la distruzione, le donazioni alle Onlus non sono considerate ricavi fino ad un importo corrispondente al costo specifico sostenuto per la produzione o l’acquisto complessivamente non superiore al 5 per cento del reddito d’impresa dichiarato. I predetti beni per l’impresa si considerano distrutti agli effetti dell’imposta sul valore aggiunto.
Per le offerte, invece, in derrate alimentari e prodotti farmaceutici donati in alternativa alla usuale eliminazione dal circuito commerciale, non sono previsti limiti di importo.
Occorre effettuare alcuni adempimenti per questo tipo di donazioni:
- l’impresa deve inviare una raccomandata a.r. all’Agenzia delle Entrate prima di effettuare ogni singola donazione; nel caso in cui la singola donazione di merci superi il valore di € 5.164,57 la raccomandata va inviata anche al locale comando della Guardia di Finanza. Tale raccomandata non è richiesta, anche se consigliabile, qualora si tratti di donazione di beni facilmente deperibili e di modico valore.
La raccomandata deve pervenire (attenzione si fa riferimento alla data di arrivo e non di spedizione) agli uffici finanziari almeno 5 giorni prima della consegna della merce all’associazione;
- annotazione da parte dell’impresa, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di consegna, nei registri IVA oppure in apposito prospetto sostitutivo degli stessi, della qualità e quantità dei beni ceduti gratuitamente in ciascun mese;
- il trasporto deve essere documentato attraverso l’emissione del DDT (documento di trasporto);
- la ODV deve rilasciare alla impresa una dichiarazione sostitutiva di atto notorio ai sensi della Legge 15/68, senza obbligo di autentica della firma, con la quale dichiara la corrispondenza della merce ricevuta con quanto dichiarato nel DDT e l’impegno ad utilizzare direttamente le merci ricevute in donazione in conformità alle finalità istituzionali.

Per approfondimenti: Decreto Legislativo 4 dicembre 1997, n. 460

DONAZIONI IN NATURA AI SENSI DELL’ART. 14 DL 35/05 CONVERTITO IN L. 80/05
NORMA NOTA COME “PIÙ DAI, MENO VERSI”

La norma prevede la deducibilità ai fini delle imposte sui redditi dell’importo della donazione dal reddito dei donatori – persone fisiche e imprese – nel limite del 10% del reddito complessivo dichiarato e fino al massimo di € 70.000,00. Condizione vincolante per usufruire di tali donazioni è che la ONLUS beneficiaria adotti scritture contabili idonee a rappresentare con completezza e analiticità le operazioni poste in essere e redigano un rendiconto patrimoniale, economico e finanziario.
Non vengono posti dei vincoli in merito a tipologia e caratteristiche dei beni donati. Per determinare il valore del bene, bisogna rifarsi al prezzo mediamente praticato alle stesse condizioni, ai listini o simili o – se il bene è raro o prezioso – ad una perizia.
La ONLUS beneficiaria deve emettere una ricevuta con la descrizione analitica e dettagliata dei beni ricevuti in donazione e l’indicazione dei quantitativi e dei relativi valori.
Se il donante è una impresa, ai fini IVA l’operazione è qualificata come esente ai sensi all’art. 10, comma 1, punto 12 del DPR 633/72, con conseguente necessità del meccanismo del pro-rata e possibile indetraibilità di una quota di IVA pagata sugli acquisti.

Per approfondimenti: Legge 14 maggio 2005, n. 80

DONAZIONI DA IMPRESE DI PRESTAZIONI GRATUITE RESE DAL PROPRIO PERSONALE DIPENDENTE
ART. 100, COMMA 2, LETTERA I

Le imprese possono erogare servizi a favore di ONLUS con la possibilità di dedurre dal proprio reddito di impresa le spese relative all’impiego di lavoratori dipendenti assunti a tempo indeterminato.
Tali lavoratori possono essere utilizzati per prestazioni gratuite a favore di ONLUS nel limite del 5 per mille dell’ammontare complessivo delle spese per prestazioni di lavoro dipendente sostenute dall’impresa medesima, così come risulta dalla dichiarazione dei redditi annuale.



Comments are closed.